Il Camillo to go

Il progetto di un blog di viaggi lo so, ormai non è più una novità, non è più esclusivo o chissà quanto originale, ma penso sia utile. Io per prima passo intere giornate ad ispezionare i siti di altri viaggiatori, sia in fase di progettazione di un viaggio, sia per puro diletto e passatempo. Il mio blog in particolare nasce dalla primaria necessità di non dimenticare. Sono una smemorata per eccellenza e mi sono accorta che contare solo sul fare foto di ogni dettaglio non è sufficiente per tener traccia dei miei spostamenti, per non dire che, come vi accorgerete, non sono un’eccellente fotografa; nonostante la reflex super fica e l’impegno! Scrivere dei miei itinerari mi aiuta ad imprimere nella mente ogni dettaglio, creando una sorta di archivio dal quale ripescare informazioni o in cui rifugiarmi ogni volta che ne sento il bisogno. C’è poi un altro vantaggio, ho scoperto che scrivere di viaggi è un modo meraviglioso per riempire quei periodi in cui fisicamente sono a casa, nel mio appartamento, al lavoro, così da avere sempre l’impressione di essere in un luogo lontano. Infine, ma soprattutto, sono stata spinta dalla volontà di condividere la mia passione con le persone, nella speranza di essere d’aiuto o di spunto per molti altri girelloni come me.

Forse mi sono svegliata troppo tardi, alle porte dei trent’anni, con quindici anni di viaggi alle spalle, dei quali sarebbe ormai un’ardua impresa creare dettagliati o anche soltanto sommari resoconti, poiché i ricordi sono troppo lontani. Per i viaggi del mio passato di teenager e universitaria, lascio la narrazione qui sotto ad una galleria di immagini, decisamente di pessima qualità, ma che raccontano del mio primo tour in macchina in Grecia l’anno della maturità, del mio interrail in Germania, della mia prima volta nelle grandi capitali europee, Berlino, Parigi, Vienna, Madrid, Londra, Istanbul; del mio primo viaggio oltre oceano a New York e in Canada, dei miei road trip dell’Andalusia e del Portogallo, dell’Egitto e così via…

L’idea, dunque, è di far crescere gradualmente questo blog, come sono cresciuta io, viaggio dopo viaggio, arricchendolo settimana dopo settimana.

Articoli recenti

Cosa cosa c’è di bello in Lapponia? Organizzare il viaggio

La Lapponia è un’area che non ha confini nazionali, estendendosi fra quattro diversi paesi: Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia. Il nostro itinerario di una settimana è stato dedicato alla scoperta della Lapponia Finlandese, le antiche terre dei Sami, la regione più settentrionale della Finlandia. La Finlandia, e con essa la Lapponia, è una terra magica,Continua a leggere “Cosa cosa c’è di bello in Lapponia? Organizzare il viaggio”

Cosa vedere in Lapponia? Itinerario di una settimana giorno per giorno

Giorno 1 Come dicevo (qui il link all’articolo precedente: organizzare il viaggio), il viaggio è lungo per essere una destinazione Europea. Abbiamo trascorso la giornata fra mezzi di trasporto ed aeroporti. Atterrati a Rovaniemi, essendo sera, abbiamo preso un taxi per raggiungere il nostro appartamento, che consiglio assolutamente: arredamento tipico scandinavo, pulito e praticamente aContinua a leggere “Cosa vedere in Lapponia? Itinerario di una settimana giorno per giorno”

Finalmente l’aurora boreale – la mia prima volta e gli esilaranti retroscena

Questo non è un prontuario su come fotografare l’aurora boreale, né un saggio su che cosa sia scientificamente parlando, perché lungi da me propormi come esperta del campo, ma credo possa risultare utile, o perlomeno divertente, condividere il resoconto di questa esperienza che, come ogni prima volta, è stata governata da una consistente dose diContinua a leggere “Finalmente l’aurora boreale – la mia prima volta e gli esilaranti retroscena”

Cosa fare e vedere ad Inari – Nella terra dei Sami

Inari, Anar in lingua Sami, prende il nome dal grande lago Inarijärvi, sulle cui sponde si affaccia e si sviluppa la piccola cittadina. È una delle città principali della Lapponia, eppure ci saranno circa una decina di strade e non si raggiungono neppure i settemila abitanti. Nonostante sia poco più di un villaggio, Inari costituisceContinua a leggere “Cosa fare e vedere ad Inari – Nella terra dei Sami”

Cosa fare e vedere a Rovaniemi – La città dove è sempre Natale

Era già metà marzo, le festività un ricordo ormai lontano, ma come siamo scesi dal taxi nel centro di Rovaniemi ci ha colti subito la sensazione di aver accelerato a dicembre o esser tornati indietro nel tempo. Centinaia di luci decoravano il centro della città e nel salotto era ancora addobbato un albero di Natale.Continua a leggere “Cosa fare e vedere a Rovaniemi – La città dove è sempre Natale”

Incontrare gli animali artici nella Lapponia finlandese

Le renne… Per vivere nei pressi del circolo polare artico ci vuole una grande personalità e spirito di adattamento. Ad esempio, alcuni degli abitanti della Lapponia hanno occhi grandi e dolci, un folto e soffice pelo e larghe narici che emanano nuvolette di fiato caldo. Le renne sono le principali rappresentanti di questa regione eContinua a leggere “Incontrare gli animali artici nella Lapponia finlandese”

One thought on “Il Camillo to go

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...